Informazioni

AganoorMarconi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

A.S. 2018 - 2019
 

"Progetto accoglienza"

 

A.S. 2017 - 2018

 

Guarda il video realizzato dai docenti della Scuola dell'Infanzia del Plesso Aganoor durante la manifestazione organizzata per il "progetto accoglienza"

 

Guarda il video realizzato dai docenti della Scuola dell'Infanzia del Plesso Nuovo Edificio durante la manifestazione organizzata per il "progetto accoglienza"

 

A.S. 2016 - 2017

Progetto Accoglienza Scuola dell'Infanzia  - Plesso Nuovo Edificio - Bambini 4 e 5 anni. 07/10/2016

 

A.S. 2015 - 2016

Dopo tre anni  trascorsi insieme, i bambini di 5 anni della sezione C del plesso Nuovo Edificio, guidati dalle maestre Giuliana e Rosanna, salutano la scuola dell'infanzia con la loro performance: "La scuola in festa", dedicata alla città di Napoli.

    Nuova pagina 1

 

La scuola dell'infanzia è ambiente di vita e di cultura, di socializzazione e di educazione. In questa scuola ogni bambino può trovare il suo posto e sviluppare meglio le sue potenzialità poiché tutto è preparato per la crescita autonoma della sua personalità. Il bambino entra per la prima volta a far parte di una comunità più vasta:

  • Impara a svolgere una relazione con altre persone, a confrontarsi, ad andare d'accordo

  • Impara a fare da sé

  • Impara a muoversi stando insieme con tanti altri, apprende in pratica che esistono delle regole

  •  che  deve rispettare

  • Impara, sul piano del linguaggio, sempre meglio a comunicare bisogni e stati d'animo concernenti le esperienze che vive. 

  • Impara attraverso il gioco in tutte le sue forme ed espressioni come occasione di apprendimento. Si privilegia l’esperienza concreta, il fare produttivo, il contatto diretto con le cose e gli ambienti anche per orientare e guidare la naturale curiosità dei bambini in percorsi ordinati ed organizzati di esplorazione e ricerca.

Anche le attività di  routine rientrano nel “gioco” e facilitano  il senso del prima e del dopo, acquisendo la capacità di prevedere ed anticipare gli eventi e costruendo un po’ alla volta la mappatura temporale e spaziale della propria vita si sentono capaci e responsabili e possono assumere una funzione di tutor nei confronti di compagni che hanno bisogno di aiuto. Anche i bambini disabili e con difficoltà trovano in questi momenti uno spazio di partecipazione significativo.

A questo proposito vi regaliamo alcuni momenti della  giornata che hanno come protagonisti i nostri “piccoli” della sezione B presso il Plesso "Nuovo Edificio".

Dopo tante  parole vi preghiamo di osservare bene queste foto e non solo con l’emozione del genitore ma di osservare la serietà, l’impegno e la concentrazione con la quale i vostri bimbi giocano, anzi lavorano costruendo il proprio sapere.

 

Guarda le foto della giornata

 

 
 

A.S. 2014 - 2015

Gli alunni delle classi quarte sez. A e B del Plesso Aganoor presentano:

"Le Emozioni hanno voce"

Alcuni momenti del percorso educativo-didattico ispirato ai contenuti del libro "Sei folletti nel mio cuore" di Rosalba Corallo, una storia sul valore delle emozioni.
Il percorso è iniziato a settembre come progetto accoglienza, proseguito poi come progetto curriculare. Quest'ultimo è a tutt'oggi in atto ed è parte integrante del nostro Piano dell'Offerta Formativa.


Le prof.sse
Asti, Basso e Bruni

Guarda il video

  Nuova pagina 1

 

 
     
 

 

A.S. 2013 - 2014

 Gli alunni e i docenti della scuola dell'infanzia del Nuovo Edificio

Presentano:

Guarda il filmato

  Nuova pagina 1

 

 

 

 

 

 

"Pinne in spalla"

 "Progetto Accoglienza"  scuola dell'infanzia.

"Pinne in spalla", sfondo integratore del "Progetto Accoglienza" è un racconto dalla grande valenza emotiva;  insegna ad  "accogliere" le richieste di quattro pesciolini, stufi di vivere in una piccola vasca.

L'amicizia, l'aiuto reciproco saranno le chiavi valoriali del percorso che li condurranno, non senza difficoltà, al raggiungimento del sogno di vivere in libertà.

L'imparare attraverso il fare, " learning by doing",  ha permeato l'intero iter progettuale; la regia educativa delle insegnanti, che hanno guidato il racconto, ha lasciato il posto alla creatività espressiva degli alunni che, mediante il "fare",  sono stati protagonisti della creazione di un personale libro narrativo e di un'esperienza di canto corale.

L'aula di psicomotricità si è poi prefigurata come il luogo privilegiato di acquisizione dei saperi, nella quale  gli alunni hanno sperimentato percorsi conoscitivi fondamentali in cui  il corpo , concepito come mezzo di espressione della propria personalità ,  è giunto  alla manifestazione dei saperi appresi.

 

 

 

 

 

     
 
Scarica le foto della giornata

Scarica il filmato della giornata